Isole Canarie
Quando si parla di Isole Canarie ci si riferisce ad un arcipelago di 7 isole maggiori (più varie minori) tutte di origine vulcanica.
Tenerife, Gran Canaria, Lanzarote e Fuerteventura sono sicuramente le più conosciute, ma poi ci sono anche El Hierro, La Palma e La Gomera.
Per quanto vicinissime tra loro e tutte di origine vulcanica, queste isole sono tutte diverse non soltanto per paesaggi e ambientazione, ma anche per vibes e stile di vita.
Quale scegliere allora per una vacanza o per un breve periodo di Smart working?
Io durante i miei 4 mesi alle Canarie le ho girate quasi tutte (mi mancano le 3 più piccole, mentre a Gran Canaria ero già stata qualche anno fa), riscontrando come effettivamente cambi il modo di vivere e di percepire il viaggio da un’isola all’altra.
Quindi…

Quale isola delle Canarie scegliere?

Secondo me, la risposta giusta è… dipende da cosa cerchi.
Cerco quindi di fare un po’ di chiarezza spiegandoti le differenze (e le bellezze) delle varie isole.

Fuerteventura

Fuerteventura è la più selvaggia e anche la più desertica, essendo la più vicina all’Africa. Pensate che dal villaggio de la Playita e dal faro de la Entallada, l’Africa dista solo 100km.
Fuerteventura è la prima isola delle Canarie ad essere emersa dal mare ed è un’isola brulla e selvaggia, con distese di deserto sabbioso a nord dove si trova il Parco naturale delle Dune di Corralejo, che si estende per 8 km di lunghezza e 2,5 km di larghezza, con una superficie di 18,35 km², vaste spiagge di sabbia bianca e mare caraibico, ma anche numerosi vulcani e deserto roccioso nel cuore dell’isola.
E’, insieme a Lanzarote, tra le isole più ventose delle Canarie e per questo meta preferita da surfisti e kite surfisti, che si riversano sulle spiagge di Sotavento e Costa Calma.
Fuerteventura sunset
Qui ci sono sicuramente le spiagge più belle delle Canarie, ma frequentate principalmente da surfisti e quindi non attrezzate. Se vi aspettate di trovare spiagge caraibiche con lettini ne ombrelloni, avete sbagliato isola. Le trovate solo a Caleta de Fuste dove c’è una spiaggia artificiale davanti all’hotel Barcelò.
A nord dell’isola, però, c’è il paesino di Corralejo, dove c’è una vasta comunità italiana e dove si riuniscono i nomadi digitali d’Europa per fare networking. Se quindi amate i posti poco turistici, con spiagge meravigliose e poco frequentate, spot deserti e networking, ma anche sport come il surf ed il kite surf, questa è l’isola giusta per voi.

Leggi anche: “Cosa vedere a Fuerteventura: le cose da non perdere sull’isola

Cofete

Lanzarote

Lanzarote è anch’essa di fronte all’Africa e vicinissima a Fuerteventura (dista solo 30 minuti di traghetto). Ma nonostante la vicinanza è un’isola completamente diversa sia come mood che come paesaggi.
Lanzarote è infatti molto più vulcanica e presenta vaste zone di sabbia e rocce nere.
Quest’isola è però anche molto più elegante e curata rispetto a Fuerteventura. Ci sono molti luoghi d’arte realizzati dall’architetto Cesar Manrique che ha realizzato dei veri e propri capolavori all’interno delle rocce vulcaniche, come ad esempio il Jameos de Agua o il Jardin de Cactus.
Anche qui le spiagge sono selvagge e allo stato brado e quasi tutte di sabbia nera, con eccezione della Costa del Papagayo, la Playa del caleton Blanco e la Playa de Famara frequentata dai surfisti.
A differenza di Fuerteventura, però, in molte spiagge ci sono dei chiringuitos dove è possibile fermarsi a bere e mangiare qualcosa.
Perfetta per chi cerca pace, tranquillità, energia vulcanica ma anche arte e moda. Non adatta a chi non ama il vento e le spiagge brulle.

Leggi anche: “Cosa vedere a Lanzarote: le 20 cose da non perdere

Jardin De cactusTimanfaya

Tenerife

Tenerife è l’isola più grande delle Canarie. E’ non solo l’isola più turistica ma, insieme a Gran Canaria, è anche quella più “città”.
Infatti, a differenza delle prime due, qui si trovano numerosi centri abitati anche abbastanza estesi come Santa Cruz e Puerto della Cruz, ma anche paesini coloniali come La Laguna e Garachico.
Il sud dell’isola è quello con le spiagge più belle ed il clima migliore, ed anche per questo quello più turistico.
Qui si trovano numerose spiagge bianche (anche se artificiali) attrezzate con lettini e ombrelloni, locali alla moda e vita notturna. Inoltre, non c’è quasi mai vento in quanto viene bloccato dalla vetta del Teide.
Il nord dell’isola, invece, separato dal sud dal Teide, che svetta maestoso al centro dell’isola, è molto più verde e selvaggio, perfetto per bellissime escursioni e trekking immersi nella natura.
Perfetta sia per chi cerca un mix di vacanza mare e natura, sia per chi vuole trasferirsi alle Canarie in modo stabile.

Leggi anche: “Tenerife: cosa fare e cosa vedere sull’isola

La TeresitasTeide

Gran Canaria

Gran Canaria è anch’essa un’isola maggiormente abitata, come Tenerife. Per circonferenza è la terza isola per grandezza delle 8 isole dell’arcipelago delle Canarie (se consideriamo anche La Graciosa).

E, proprio come Tenerife si divide tra nord, con centri abitati e paesini coloniali e sud, più turistico con spiagge, maxi alberghi e le affascinanti dune di Maspalomas. Al centro dell’isola, c’è poi tutta una zona vulcanica e montana molto verde dove poter fare escursioni interessanti.

Gran Canaria non è solo un’isola, ma è un continente in miniatura! Qui si trovano: città coloniali, dune del deserto, ricca vegetazione sudamericana con una varietà di circa 2000 specie di piante diverse, crateri vulcanici, porti incantati e montagne fantastiche, oltre a spiagge dalla sabbia bianca e mare cristallino!

Anche Gran Canarie, come Tenerife, è meno ventilata perchè l’effetto dei venti alisei è moderato dalla presenza delle montagne che trattengono le nuvole del Nord, lasciando il sole tutto l’anno.

Perfetta sia per chi cerca un mix di vacanza mare e culturale, sia per chi vuole trasferirsi alle Canarie in modo stabile.

Leggi anche: “Gran Canaria: cosa vedere

La Palma, El Hierro e La Gomera

Queste ultime 3 isole le ho raggruppate insieme perchè sono molto più piccole e selvagge, anche se diverse tra loro. Si trovano tutte e nord di Tenerife e, per raggiungerle, gli aeroporti più vicini sono quelli o di Tenerife o di Gran Canaria.

Sono perfette per chi cerca pace e tranquillità e riconnessione con la natura.

Leggi anche: “Cosa fare a El Hierro: l’isola più selvaggia delle Canarie

Fonte: Unsplash

Spero che questo articolo sia stato utile per fare un pò di chiarezza su quale isola delle Canarie scegliere per le proprie vacanze.

Leggi anche: “Isole Canarie e chakra: 7 isole per 7 chakra

Le isole Canarie infatti, essendo isole vulcaniche, sono isole ricche di energia e si dice siano collegate ai 7 chakra, e allora, forse quest’altro articolo può aiutarti ancora di più nella scelta.

Prima di partire per le vacanze, o per un periodo piuttosto lungo di smart working, ricordatevi sempre di stipulare un’assicurazione di viaggio che vi copra in caso di ogni necessità.

Io ho l’assicurazione viaggio singolo o multi trip con Heymondo, che copre tutte le spese mediche e l’eventuale quarantena anche in caso un cui venga contratto il Covid-19.

Per i miei followers c’è inoltre uno sconto del 10% collegandosi a questo link.