partita iva

Ritornano i consigli per blogger e liberi professionisti.

Se hai deciso di aprire un blog e farlo diventare il tuo lavoro, inizierai a lavorare da freelance su progetti e commissioni o attraverso le affiliazioni. Per poter, però, fatturare alle aziende, devi inevitabilmente aprire la partita iva.

All’inizio, appena aperto il blog, potrai iniziare con il fatturare con ritenuta di prestazione occasionale, ma avrai un limite di € 5.000,00 annui (che si spera di superare, se hai deciso di farlo diventare il tuo lavoro).

Inoltre, presentarsi ad un’azienda con Partita Iva, è sinonimo di professionalità e serietà da parte del blogger e del freelancer, perchè dimostra di essere un professionista e non un improvvisato.

Purtroppo ancora oggi ci sono molte incertezze e titubanze sull’apertura della partita iva.

Cerchiamo di chiarirle.

Cosa sapere prima di aprire la Partita Iva

Il mercato del lavoro odierno è, certamente, diverso rispetto a quello di cinquanta, venti o anche solo dieci anni fa quando si era alla ricerca del ‘posto fisso’.

Oggi, con l’aumentare delle professioni digitali sono sempre più le aziende che commissionano lavori ai freelancer, ossia liberi professionisti che lavorano con la Partita IVA!

Aprire Partita IVA per mettersi in proprio è una scelta che, però, ancora oggi, incute un certo timore, ma che, allo stesso tempo, dà accesso ad una serie di interessanti opportunità. Non è affatto un caso, quindi, che il numero di giovani che decidono di avviare un’attività professionale autonoma continui a crescere, ormai da diversi anni, senza interruzioni e che tale tendenza sia destinata a durare anche nel prossimo futuro.

D’altronde, quello della libera professione è un mondo affascinante, fatto di sfide da affrontare e di obiettivi da raggiungere e, perché no, superare! Ma non è tutto: il freelancer, rispetto ad un impiegato, ha dinanzi a sé delle opportunità per fare business potenzialmente illimitate, oltre ad una totale indipendenza nell’organizzazione dell’attività in tutti i suoi aspetti: orari, tariffe, luogo di lavoro, ecc..

Ma cosa significa aprire Partita IVA per lavorare freelance? Quali sono i costi da affrontare a breve e lungo termine? E quali sono, invece, i vantaggi di questa scelta? Per chiarire eventuali dubbi e rispondere a tutte queste domande, ecco cinque cose che devi assolutamente sapere prima di avviare la tua attività!

  1. Prestazione occasionale o Partita IVA?

 Se sei un aspirante blogger o freelancer alle prese con le prime esperienze lavorative, è molto probabile che ti venga proposto di utilizzare la cosiddetta ‘prestazione occasionale’ come una sorta di ‘alternativa’ alla Partita IVA.

Si tratta, purtroppo, di un grave errore, in quanto il lavoro occasionale presenta caratteristiche assai diverse da qualsiasi attività professionale ‘in regola’. La normativa vigente, infatti, stabilisce che le singole prestazioni occasionali non possano né ripetersi più volte, né prolungarsi per oltre 30 giorni durante l’anno, e che siano soggette a varie limitazioni, tra cui il divieto di promuovere i propri prodotti e/o servizi.

In più, se collabori con un’azienda italiana, il tuo compenso viene decurtato con una ritenuta d’acconto pari al 20%. Per esempio, se la tua prestazione vale 100 euro, il tuo effettivo incasso si riduce a soli 80 euro.

Dunque, come puoi notare, l’utilizzo della prestazione occasionale andrebbe limitato ai primissimi tempi ed abbandonato non appena l’attività comincia ad ingranare con committenti fissi ed introiti regolari.

  1. Quanto costa aprire Partita IVA?

 Tra gli aspetti più ‘spaventosi’ legati all’apertura della Partita IVA, vi è senza dubbio la questione dei costi.

Molti aspiranti freelancer temono di dover sborsare cifre esagerate per svolgere l’operazione, ma in realtà le cose sono ben diverse: aprire Partita IVA, infatti, è completamente gratuito per i professionisti, mentre per le ditte individuali (ossia artigiani e commercianti), se decidono di affidarsi ad un servizio online come Fiscozen, la spesa è pari a 200 euro + IVA.

  1. Come risparmiare sulle tasse?

 Le tasse rappresentano uno dei motivi di maggiore apprensione per tutti coloro che lavorano freelance: una spesa alla quale non è possibile sottrarsi, ma che può essere sensibilmente ridotta scegliendo il regime fiscale più vantaggioso!

Tra le opzioni attualmente disponibili, è il regime forfettario ad offrire il più alto margine di risparmio, grazie ad una tassazione particolarmente conveniente che, al posto dell’Irpef e degli altri tributi, prevede solo un’unica imposta sostitutiva con aliquota al 15% o, per chi possiede i requisiti, al 5% per i primi 5 anni, che si applica soltanto su una percentuale del fatturato incassato, chiamata ‘reddito imponibile’.

Pertanto, come puoi facilmente intuire, il regime forfettario è la soluzione ideale per chi desidera pagare meno tasse e, allo stesso tempo, godere di molti altri vantaggi a livello sia fiscale che burocratico.

  1. Come funziona la contribuzione?

 Lavorare freelance vuol dire provvedere in prima persona al versamento dei contributi previdenziali, che si aggiungono alle imposte descritte qui sopra e costituiscono un’altra spesa annuale per le Partite IVA.

Tuttavia, mentre il calcolo delle tasse si effettua in maniera uguale per tutti i forfettari – ciò che cambia, come abbiamo visto, è solo il coefficiente di redditività – la contribuzione segue regole differenti a seconda dell’attività esercitata. Provando a semplificare il tutto, è possibile individuare tre macro-categorie:

  • Artigiani e commercianti, che fanno riferimento alla Gestione Artigiani e Commercianti dell’INPS.
  • Professionisti, tenuti ad iscriversi alla propria Cassa Previdenziale (es. ENPAM per i medici).
  • Professionisti ‘senza Cassa’, ossia i freelancer che svolgono attività ‘innovative’, come quelle legate al web, al marketing o all’informatica (tra cui i blogger), e che confluiscono nella Gestione Separata INPS.
  1. Come gestire fatture e clienti?

Lavorare freelance regala grandi soddisfazioni ma, per creare un business redditizio, servono intuizione, slancio ed una forte motivazione personale. Tuttavia, capita anche ai migliori professionisti di sentirsi stanchi o stressati a causa dei troppi impegni. Per evitare di rimanere ‘a corto di energie’, quindi, dovrai ottimizzare le risorse ed avvalerti degli strumenti più smart di gestione della partita iva online, facendo riferimento a servizi come quello di Fiscozen!

Cos’è Fiscozen e perché sceglierlo?

Fiscozen è un servizio di assistenza totalmente digitale che, ad un prezzo molto competitivo, ti solleva da qualsiasi incombenza relativa alla tua Partita IVA, in modo da poterti dedicare al 100% alla tua attività.

Facile, intuitivo e flessibile, Fiscozen ti aiuta a gestire i vari adempimenti fiscali ed a monitorare l’andamento del tuo business, utilizzando una piattaforma accessibile da PC, smartphone e tablet.

Con Fiscozen risparmi tempo prezioso, in quanto puoi effettuare tutto comodamente da casa: dalla gestione della Partita Iva, alla fatturazione, agli F24 e la dichiarazione del fatturato, tutto comodamente dal tuo ufficio o, addirittura, dal luogo di vacanza, che sia in Italia o all’estero. In più, in qualsiasi momento, puoi contattare un consulente esperto (telefonicamente o via chat) per sciogliere eventuali dubbi e risolvere rapidamente ogni problema.

Inoltre, per i miei followers è previsto uno sconto di € 50,00 per l’attuazione della gvestione (e/o apertura) della Partita Iva con Fiscozen.

Utilizzando il coupon TFTWKFT50 a questo link, riceverai uno sconto di € 50,00 per la gestione e/o apertura della tua Partita Iva, fatturazione, F24, contributi e dichiarazione dei redditi con Fiscozen a soli € 249,00 €+IVA all’anno invece di € 299,00*Iva.

Fiscozen

Cosa comprende il prezzo di € 249,00 + iva?

Questo prezzo comprende:

  • Apertura partita IVA professionisti
  • Fatture illimitate
  • Gestione delle spese
  • Consulente fiscale dedicato
  • Invio dei modelli F24 annuali
  • Intrastat
  • Comunicazione al Sistema Tessera Sanitaria
  • Fatture elettroniche illimitate
  • Invio dichiarazione dei redditi

made with by Medialabs