via francigena
foto: wallpaper flare

In molti si incamminano per intraprendere il Cammino di Santiago in cerca di risposte e spiritualità. Ma in Europa c’è un altro cammino molto bello che è quello della Via Francigena.
La via Francigena non è solo un itinerario per scoprire le terre europee con a capo l’Italia, ma è anche qualcosa di molto più profondo e spirituale.

Questo cammino non solo vi farà bene agli occhi, alla vista di tutti i paesaggi più belli, ma vi farà bene anche all’anima e al cuore.

Avrete la possibilità di conoscere voi stessi ed esplorarvi nel profondo, analizzerete paure dolori e tutto ciò che vi passa per la testa, si dice che una volta che torni dal cammino tu non sia lo stesso dell’andata, sarà vero? Scopritelo!

L’inizio e la fine

L’itinerario lungo la via Francigena da Canterbury a Roma è di 1800 km, di cui solo in Italia sono 1020 km, precisamente dal Gran San Bernardo a Roma in 44 tappe.

cattedrale di canterbury
foto: unsplash

Dopo essere entrati in Valle d’Aosta, dal Gran San Bernardo, e aver ammirato le sue bellezze, si continua in Piemonte passando per la bassa Lombardia, dove vi accoglieranno immense campagne e campi di coltivazione di riso.

Il famoso guado del fiume Po, il Transitum Padi, vi guiderà nell’Emilia arrivando all’appennino.

Il passo successivo è quello di attraversare la pittoresca e incantevole Toscana, passando per la Garfagnana, Chianti e le colline senesi, entrando poi nelle terre Laziali raggiungendo Tuscia fino alla periferia di Roma e quindi raggiungendo la destinazione finale, la Basilica di San Pietro.

Grazie alla Credenziale del Pellegrino, che è un documento che certifica il pellegrinaggio, è possibile alloggiare nelle strutture lungo la via, poste lungo la via Francigena di Sigerico apposta per accogliere coloro che scelgono di intraprendere questo cammino.

Parlando di Stati Europei la Via Francigena attraversa: Inghilterra, Francia, Svizzera, Italia e Città del Vaticano.

Gran San Bernardo
foto: pixabay

Quando

Se vi state chiedendo qual è il periodo ideale e migliore per affrontare questo cammino la risposta è da marzo in poi.

Questo perché dal mese di Marzo le giornate iniziano ad essere più calde e c’è un clima ideale per stare all’aria aperta a fare attività.

Il percorso è composto di sentieri abbastanza facili di montagna, mulattiere di pietra e vie campestri che fanno del cammino, un percorso sicuro e semplice, quindi perfetto anche per tutte quelle persone meno esperte e meno allenate.

Ma comunque ogni stagione ha il suo fascino!

In qualsiasi momento deciderete di andare sarà bello.

sentieri montagna via francigena
foto: pixabay

Percorso europeo

La Via Francigena europea ha inizio di fronte alla Cattedrale di Canterbury, percorrendo poi la Pilgrim Way arriva a Dover, dove potrete prendere il traghetto o il treno per attraversare la Manica e in fine raggiungere Calais.

Arrivati in Francia si passa per le regioni: Nord-Pa-de-Calais-Picardie, Champagne-Ardenne e Franche-Comtè.

Si arriva in Svizzera e si continua nei cantoni del Vaud, nei pressi del lago di Ginevra e del Vallese verso le Alpi.

E finalmente si giunge in Italia per il Passo del Gran San Bernardo proseguendo prima la Val d’Aosta, poi Piemonte e bassa Lombardia. Per mezzo di un taxi fluviale si attraversa il guado del fiume Po, passando per l’Emilia, gli appennini e il Passo della Cisa.

Attraverserete tutta la Toscana ammirando le meravigliose colline senesi ed entrando poi nel Lazio fino a raggiungere Roma, la meta, alla Basilica di San Pietro.

Le città più note e famose che la Via Francigena attraversa e tocca sono: in Inghilterra Canterbury e Dover; in Francia, Calais, Bruay-La-Bruissiere, Arras, Laon, Reims, Chalon-en-Champagne, Langres, Besançon, Pontarlier; in Svizzera, Orbe, Lausanne, Montreux, Aigle, Saint Maurice, Martigny; e in fine in Italia Italia, il Passo del Gran San Bernardo, Aosta, Ivrea, Vercelli, Pavia, Piacenza, Fidenza, Passo della Cisa, Sarzana, Massa, Lucca, San Gimignano, Siena, San Quirico d’ Orcia, Bolsena, Viterbo, Roma, Città del Vaticano.

città del vaticano via francigena
foto: wallpaper flare

Le tappe più belle in Italia

La prima tappa degna di nota è Fucecchio, dove troverete gli uffici di Montanelli, poi vi consiglio di cenare in compagnia dei frati francescani di San Miniato Alto e dormire in una suggestiva cella che ospita e offre il convento.

Spostiamoci ora nei boschi della Val d’Elsa, dove noterete le imponenti e maestose 15 torri di San Gimignano che spiccano alte nel cielo, alla fine di San Gimignano, percorrendo una fila di cipressi, si trova Pieve di Cellole, una località molto misteriosa e suggestiva dove sorge il monastero di Bose.

In cima al Colle Val d’Elsa solo coloro che stanno intraprendendo il cammino avranno l’onore di dormire nel meraviglioso convento francescano, dove ormai non ci sono più nemmeno i frati, qui potrete fermarvi e ammirare gli affascinanti chiostri.

Vale sicuramente la pena passeggiare in centro per poter osservare degli antichi palazzi cinquecenteschi e piazza Sant’Agostino. Percorrendo un po’ di strada noterete sicuramente il santuario di San Marziale, un santuario dedicato al santo che precisamente in questo luogo compì il primo miracolo della Via Francigena, in questo miracolo San Marziale resuscitò il suo compagno di viaggio Austricliniano.

Spostandosi sul confine tra Toscana e Lazio, tra Radicofani e Acquapendente, troverete la Cassia, dove dovrete proseguire dritto, per poi scoprire un meraviglioso borgo incontaminato, dove soggiornò Galileo Galilei in viaggio verso Roma per recarsi dal Santo Uffizio, qui fermatevi e bevete un bel bicchiere di vino bianco e osservate il panorama mozzafiato.

colle Val d’Elsa
foto: pixabay

Durata del cammino

Calcolando e presupponendo che si facciano più o meno 25 km al giorno, ovviamente anche il fatto che si possono incontrare difficoltà in alcuni tratti, per percorrere tutta la Bia Francigena si impiegano circa 75/85 giorni. Per chi vuole affrontare invece solo la Via Francigena italiana, senza toccare tappe europee, il cammino durerà 40/46 giorni. Motivo per cui molti fanno il cammino a tratte o decidono di visitarne solo una zona per volta.

Per le tappe Toscane, o se siete interessati a percorrere solo un piccolo tratto della Via Francigena, potete rivolgervi a Tuscan Secret Experience, tour operator di incoming locale.

Il tratto che può crearvi qualche piccola difficoltà  perchè non è percorribile in alcune stagioni dell’anno è il Passo del Gran San Bernardo, chiuso da inizio Ottobre ai primi di Giugno, in base alla neve. Altro tratto sconsigliato nella stagione invernale è il Passo della Cisa valicando gli appennini, importantissimo tenere sotto controllo le condizioni del meteo.

Passo del Gran San Bernardo
foto: pixabay

Perché intraprendere il cammino

Ci sono tante spiegazioni e motivi per il quale una persona potrebbe decidere di intraprendere questo cammino, molte volte sono persone che vogliono evadere e scappare dal caos e la confusione della vita quotidiana e delle metropoli, o magari sono solo persone alla ricerca di loro stessi, oppure chi sceglie una “vacanza” diversa dal solito.

È l’ideale sia per quegli uomini e quelle donne che vogliono rinunciare al tutto ciò che nella vita in realtà è in più, superfluo, e concedersi solo l’essenziale che consiste di solito in uno zaino e in scarpe comode.

cammino via francigena
foto: pixabay

Questa esperienza vi offre la possibilità di conoscere l’Italia in un modo diverso, in modo lento ma soprattutto da vicino e nel dettaglio.

Solo a piedi potrete apprezzare ed afferrare il passaggio da una terra a un’altra, solamente calpestandola.

Vi accorgerete come l’asfalto si può trasformare in sabbia, oppure nella terra rossa della pianura prima di giungere a Monteriggioni.

Ciò che renderà il vostro cammino ancora più interessante ma soprattutto ricco sono gli incontri che farete durante il percorso, ma conoscerete non solo altre persone ma anche voi stessi più nel profondo.

itinerario via francigena
foto: pixabay

Durante il viaggio affronterete finalmente i vostri limiti, i dolori, la fatica, le vostre paure, la solitudine e l’inquietudine oltre che i pensieri. Si dice che il cervello umano viaggi a cinque chilometri orari, la stessa velocità del pellegrino.

E voi siete pronti per questo viaggio alla scoperta di voi stessi?

made with by Medialabs