fondali marini
foto: pexels

Se vi state chiedendo e state cercando qualcosa da poter fare quest’estate che non sia solo lo stendersi sotto il sole come le lucertole per ore, ho in serbo per voi un’attività molto interessante che sarà capace di emozionare tutti, anche i cuori di pietra.

Fare immersioni è una di quelle attività meravigliose ed emozionanti da fare almeno una volta nella vita ma che purtroppo non è molto sviluppata e non tutti conoscono.

Eppure l’Italia custodisce numerossissimi siti dove poter fare immersioni suggestive tra relitti e pesci variopinti.

Oggi appunto per questo scopriamo alcuni posti dove fare immersioni emozionanti in Italia.

Portofino-Liguria

portofino
foto: unsplash

Portofino è il luogo per eccellenza dove fare immersioni, è il sito più noto oltre che essere il luogo di nascita delle immersioni subacquee in Italia.

È anche una riserva marina naturale dove si possono trovare coralli, barracuda, cernie, dentici e molto altro, però vigono delle regole intransigenti per la salvaguardia di questo meraviglioso luogo, ad esempio, non è possibile fare immersioni notturne, e le discese solamente con attrezzatura e l’accompagnamento di diving autorizzati.

Gli accessi migliori per raggiungere i fondali sono senza ombra di dubbio la spiaggia del Cannone o Porto Pidocchio.

Ci sono parecchie cose da vedere per quanto riguarda questo luogo, come relitti, pareti e grotte, cernie, coralli rossi, murene e gorgonie.

Impossibile dimenticarsi di menzionare anche il Cristo degli Abissi, una tappa imperdibile che vi lascerà a bocca aperta.

Non lontano da qui ci sono i paesi di Santa Margherita Ligure e Camogli, che possiedono molti siti di immersione meravigliosi.

il più noto è il sito dell’Abisso di Cristo, che possiede una grande statua, a 16 metri di profondità messa nel 1954 nella baia di San Fruttuoso, come monumento a scopo commemorativo per un sub che purtroppo morì durante le immersioni.

Per chi si appassionerà di immersioni potrà anche andare a St. George’s, Grenada e Key Largo, in Florida negli USA, dove si trovano tante copie di questa statua.

portofino
foto: unsplash

Isole Tremiti-Puglia

Il mare delle Tremiti è un vero e proprio angolo di paradiso naturale immerso nel verde di San Domino, una delle isole dell’arcipelago, a largo del Gargano.

L’arcipelago delle Isole Tremiti si trova nel mar Adriatico e in tutto conta 5 isole, le principali oltre ad essere le più grosse sono tre, S. Domino, S. Nicola e Caprara, mentre le altre due sono Pianosa e Cretaccio.

Ciò che più rende meraviglioso questo mare sono senza dubbio i suoi fondali, con circa cinquanta punti d’immersione, così preziosi da essere protetti e inglobati dal 1989 nel parco nazionale del Gargano, come se fossero diamanti inestimabili.

Ma ciò che più cattura coloro che amano fare immersioni è soprattutto Caprara, una delle isole Tremiti completamente disabitata che rappresenta un paradiso terrestre incontaminato.

A Caprera i siti più noti sono la secca di Punta Secca, con pareti sono ricoperte da gorgonie e rami di corallo nero, Scoglio del Corvo, Punta di Cala dei Turchi e Secca della Vedova., possiedono fondali estremamente ricche sia di flora che di fauna e tipicamente mediterranei.

Sull’isola di San Nicola, la casa delle spugne, dove è presente il sito della secca del Ferraio, mentre a San Domino ci sono Punta Secca e Rondinelle.

isole tremiti
foto: unsplash

Arcipelago della Maddalena-Sardegna

Le acque della Sardegna sono da sempre famose in tutto il mondo per la loro limpidezza ed i colori brillanti, rendendola una delle mete più ambite in Italia dai turisti sia stranieri che non.

È inoltre l’ideale per chi ama fare immersioni.

Ci sono moltissimi luoghi dove poter fare suggestive e affascinanti immersioni, ad esempio al nord dell’isola di San Pietro, dove è presente un labirinto sottomarino nei press dell’isola di Caprera, nell’Arcipelago della Maddalena.

È molto noto anche il Portone di Capofigari, nel Golfo Aranci, dove è possibile ammirare i famosi coralli rossi di Alghero, uno spettacolo imperdibile per tutti coloro che amano impressionarsi.

Ma in generale ogni punto della costa è perfetto per tutti i tipi di immersione, per vivere un’esperienza unica che non vi scorderete mai.

Si possono ammirare anche moltissimi pesci e crostacei dai colori brillanti oltre che i caratteristici coralli rossi.

arcipelago la maddalena
foto: unsplash

Isola d’Elba

Nell’isola d’Elba ci sono numerosi di punti di immersione.

Imperdibile l’immersione al “lo Scoglietto”, dove è possibile ammirare delle cernie di grandi dimensioni ed i pesci San Pietro, sono presenti anche grotte ed anfratti, vi sembrerà di essere in un posto magico e fatato, le emozioni che proverete saranno uniche!

Un altro sito molto noto sull’Isola d’Elba è il relitto dell’Elviscot, un cargo che si trova non lontano dallo Scoglio dell’Ogliera a Pomonte, a 12 metri di profondità e quella sullo Junker a 52 metri, un aereo che risale alla seconda guerra mondiale che è stato recentemente scoperto nei pressi di Portoferraio ad una profondità di 38 metri.

isola d'elba arcipelago
foto: pixabay

Argentario e arcipelago toscano

Le scogliere dell’Argentario e tutte le isole in generale che compongono l’Arcipelago toscano custodiscono fondali meravigliosi e rappresentano alcune delle mete più spettacolari per fare affascinanti immersioni in Italia.

I siti e le mete che hanno più spicco per quanto riguarda le immersioni sono l’isola del Giglio, Giannutri e Capraia.

Anche in queste acque sono presenti anfratti, grotte e secche, che vi faranno vivere un’esperienza affascinante e indimenticabile.

Entrando più nello specifico troviamo: la Secca di Capo d’Uomo, Punta Finestra, lo Scoglio del Corallo e la Grotta Azzurra, a pochi passi dal promontorio dell’Argentario, la secca di Punta Pennello,i relitti del Nasim e del Marsala, nell’isola di Giannutri e la parete de Le Scole, i Subielli e Cala Cuba nei pressi dell’isola del Giglio, dove non molto tempo fa è affondata una famosa crociera, La Costa Concordia.

L’arcipelago toscano è il luogo ideale per immersioni a pelo d’acqua, una sorta di Snorkeling, per chi vuole immergersi ma senza andare troppo in profondità, si vedranno comunque moltissimi pesci senza aggeggi e attrezzature specifici.

l’isoletta di Giannutri è una piccola isola molto suggestiva, possiede pareti rocciose, e una ricca e rigogliosa flora marina.

Questa zona è inoltre sotto la tutela del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.

Argentario
foto: unsplash

 

Lampedusa-Sicilia

A Lampedusa, Linosa e nell’isola di Lampione invece troverete acque limpide e caraibiche, essendo cristalline la visibilità è pazzesca.

C’è la possibilità di immergersi inoltre con gli squali grigi, presenti nei pressi dell’isola di Lampione, senza dover fare per forza un viaggio chissà dove nel mondo.

A sud della Sicilia, nelle Isole Pelagie, dal 2002 è presente un’area marina protetta.

Questo arcipelago di tipo transcontinentale, è formato da Lampedusa, l’isola maggiore, Linosa, la seconda più grande, e Lampione, una piccola isola disabitata.

Lampedusa è un luogo magico per tutti coloro che amano fare immersioni, oltre che per le acque anche per la ricchezza di fauna e flora marina.

I siti migliori per fare immersioni sono: la Secca di Levante, dove si trovano i branchi di ricciole che depongono le uova, Capo Ponente, dove è possibile ammirare un relitto a pochi metri di profondità e la Madonnina del mare, nei pressi dell’isolotto dei conigli.

lampedusa
foto: wallpaper flare

Ustica

L’isola di Ustica, detta anche la Perla Nera del Mediterraneo, è uno dei migliori luoghi per fare le immersioni subacquee in Italia.

Considerata il paradiso dei sub, possiede una flora e una fauna ricchissime, grosse cernie, branchi di barracuda, ricciole e a volte anche grandi tonni, per la maggior parte è ancora incontaminata e offre luoghi ed ambienti straordinari in superficie, immaginatevi quelli sotto la superficie!

Quest’isola è di origine vulcanica, infatti si caratterizza per le sue rocce laviche di colore nero, per questo motivo è stata possibile la nascita di grotte, anfratti, canyon, caverne e pareti rocciose uniche e autentiche che contribuiscono a rendere i fondali strepitosi.

L’immersione a Sicchitello è forse la più bella e affascinante da fare sull’isola, molto belli sono anche lo Scoglio del Medico o la Secca della Colombara, la Grotta dei gamberi e la Grotta da za’ Lisa.

È la meta ideale sia per i sommozzatori principianti che per quelli esperti grazie ai 30 siti di immersione che sono diversi per caratteristiche e potenzialità, ogni sub avrà il proprio fondale su misura in base alle proprie capacità e conoscenze.

sub ustica
foto: pexels

 

made with by Medialabs