piatti tipici norvegesi salmone
foto: pixabay

Dal Salmone cucinato in mille modi diversi, al king crab, dalla carne di renna o alce, al formaggio marrone caramellato fino ai waffle a forma di cuore, la Norvegia oltre ad essere un Paese tutto da scoprire per quanto riguarda le sue bellezze naturali e incontaminate è un posto interessante anche dal punto di vista gastronomico.

Oggi scopriamo insieme alcuni dei piatti tipici norvegesi e dei prodotti norvegesi per eccellenza, per un viaggio tutto da gustare!

Carne

Agnello norvegese

La carne di agnello norvegese è considerata una delle carni più gustose e buone che ci siano in commercio. Molti la definiscono tenera e succosa, forse questa cosa è data dal fatto che in Norvegia il bestiame si reca al pascolo nella natura incontaminata, ricca di nutrienti e che ha erbe e acqua pulita.

Uno dei principi più importante per la carne sostenibile norvegese dice che non bisogna buttare nessuna parte dell’animale una volta abbattuto, tanto è vero che molti piatti sono costituiti da parti dell’animale che non si è soliti mangiare

Ad esempio una prelibatezza norvegese a base di agnello è il fenalår, che sarebbe la coscia di agnello stagionata, asciugata all’aria di montagna per conservarle.

Un’altra specialità a base di agnello è il pinnekjøtt, cioè costolette di agnello o montone stagionato in salamoia o sale marino, i norvegesi sono soliti mangiarlo durante il Natale, soprattutto in Norvegia occidentale.

Si usa molto anche mangiare testa di pecora, in norvegese «smalahove».

agnelli in norvegia
foto: pixabay

Alce, renna, cervo, gallo cedrone

Altre specialità e prelibatezze per quanto riguarda la carne sono:

l’alce, una bontà se preparata nel modo giusto, simile alla carne di cervo.

Poi abbiamo la renna, questi animali vivono soprattutto al nord della Norvegia, nello specifico oltre 250.000. La carne di renna è magra e molto gustosa.

Il cervo, più numeroso rispetto alle alci in Norvegia. Di solito viene servito sotto forma di bistecca, viene anche lavorato molto infatti esistono diverse varianti come il cervo affumicato, essiccato o stagionato.

E in fine troviamo il gallo cedrone, l’uccello che ogni cacciatore norvegese vorrebbe portare a casa ogni giorno, forse perché il petto del gallo cedrone è davvero molto tenero, mentre le cosce hanno un sapore più intenso.

Fårikål

Il Fårikål è una delle specialità a base di carne, agnello o di pecora, più famose nella Nazione.

Questo piatto si usa prepararlo soprattutto durante le feste, cucinandolo un giorno prima della festa in questione, perché secondo i norvegesi il piatto preparato con un giorno di anticipo risulta più gustoso quando arriva il momento di mangiarlo.

Un altro ingrediente molto importante di questa pietanza è il cavolo cappuccio.

Si alternano foglie di cavolo a pezzi di agnello, il tutto è condito con sale e pepe, e cosparsa ad ogni strato c’è della farina di frumento che permette di ottenere una salsina vellutata e gustosa.

Pesce

Salmone

Una delle specialità più note e più cucinate in assoluto della Norvegia è senza dubbio il salmone.

In Norvegia il salmone viene pescato nel Mar Baltico o lungo i fiordi e poi i norvegesi lo cucinano in mille modi diversi.

Innanzitutto alla base c’è il røkt laks, il salmone affumicato, prelibatezza imperdibile se vi recate in Norvegia, potete anche assaggiarlo arrotolato, in Norvegia si chiama smoked salmon wraps.

Poi abbiamo il gravlak, salmone marinato con una miscela di sale, aneto e zucchero, a Oslo lo troverete anche con la mostarda.

salmone affumicato
foto: pixabay

Lutefisk

Il Lutefisk è un piatto molto famoso e tradizionale nel Paese nordico.

L’ingrediente principale di questa pietanza è lo stoccafisso, o il merluzzo, prima essiccato e salato e poi conservato a mollo in soda caustica e acqua per circa 5-6 giorni.

Di solito poi viene cotto al forno e servito con senape, pancetta, patate e i piselli.

stoccafisso
foto: pixabay

Il King Crab

Un altro piatto assolutamente da provare in Norvegia è il King Crab, un granchio enorme che vive nelle acque del nord e che può arrivare a pesare fino a 6 kg, ma ne sono stati ritrovati alcuni di 10 kg di peso per 1,5 m di lunghezza. Questo granchio ha un sapore tenero e delicato molto simile all’aragosta. In Norvegia del nord è possibile partecipare ad esperienze di King Crab safari per andare a pesca di king crabs e poi cucinarlo tutti insieme in una tenda Sami. davvero un’esperienza incredibile che consiglio a tutti di provare.

Per maggiori informazioni, leggi anche: “Viaggio in Norvegia del Nord: cosa fare da Honningsvag a Capo Nord tra midnight sun e esperienze indimenticabili

La bistecca di Balena

Un altro piatto tipico norvegese è la bistecca di balena, che ha un sapore molto particolare, simile al fegato, e non piace a tutti. Generalmente viene accompagnata con una marmellata ai frutti di bosco, poichè ha un sapore piuttosto stopposo.

humpback-whale
Foto: pixabay

Fried Cod Tongues (lingua di merluzzo fritta)

Un altro piatto tipico norvegese è il “Fried Cod Tongues” (la lingua di merluzzo fritta). La “lingua di merluzzo” è in realtà un boccone di carne a forma di Y un po’ gelatinoso ricavato dalla zona della mascella o della gola del merluzzo, anche perchè i pesci non hanno lingue. Generalmente viene servito fritto in abbinamento a salse e verdure.

Brunost, il formaggio marrone

Il formaggio per eccellenza norvegese è il formaggio marrone, il Brunost, un formaggio dolce salato, e caramellato.

È fatto con il latte di capra ed ha un sapore dolce-acido.

Per i norvegesi questo formaggio è all’ordine del giorno, in qualsiasi momento della giornata e in ogni modo, ad esempio sul pane tostato, insieme alla marmellata di mirtilli o con i waffel norvegesi.

Oggigiorno i caseifici norvegesi si sono reinventati creando molti prodotti nuovi e diversi come ad esempio il camembert, gorgonzola, brie e prodotti decisamente più tradizionali e di impronta norvegese come il gamalost e il pultost.

brunost
foto: pixabay

I Waffle

Uno dei piatti più iconici è il waffle.

Rispetto ai waffle americani o comunque quelli che siamo abituati a vedere noi, sono più spessi e più ricchi, potrebbe succedere di trovarli forma di un cuore, molte volte li fanno così.

Di solito in Norvegia si mangiano con il formaggio (browncheese) oppure con panna acida e marmellata, oppure ancora, con gelato, nutella, bacon, uova e molto altro.

Un po’ come per il formaggio marrone i waffle vengono consumati in varie occasioni, come merenda, per accompagnare un caffè o una tisana, oppure come dolce.

Sono diversi anche dai waffle belga, i waffle norvegesi assomigliano ai pancake ma hanno la forma a cuore. Inoltre sono anche più morbidi di quelli belga.

waffle
foto: unsplash

L’acquavite

L’acquavite senza ombra di dubbio è il liquore simbolo della Norvegia.

Non è altro che un prodotto tipico che deriva da una tradizione ormai molto molto antica.

Questa tradizione ha inizio da alcuni viaggi in terre esotiche.

Questo liquore è un distillato che ha come base le patate, aromatizzato con cumino e altre spezie, ad esempio l’anice, i semi di finocchio, il coriandolo o l’aneto. Ciò che contraddistingue questa bevanda è il suo invecchiamento, che viene fatto in botti di rovere.

In Norvegia ci sono vari tipi di acquavite, e ognuna possiede la propria storia.

Innanzitutto prende il nome dal latino, acqua vitae, che significa l’acqua della vita.

Questa bevanda nasce grazie ad alcuni monaci che credevano di aver scoperto e trovato una potente medicina che potesse curare molti mali, tanto è vero che venne usata durante la peste in Norvegia per curare i malati.

acquavite
foto: pixabay

Il glogg

Altra bevanda tipica norvegese è il glogg, una sorta di vin brulè tipico in tutti i paesi del nord, soprattutto in inverno. La variante norvegese, al posto della cannella, è preparata con una miscela sciropposa di erbe con aggiunta di mandorle e uvetta secca.

vin brulè
Foto: pixabay
Total
7
Shares
made with by Medialabs