Erano anni che volevo andare a Ibiza, l’isola delle Baleari in Spagna nota per le sue famose discoteche e la sua vita notturna, e quest’estate finalmente mi sono decisa a partire.

Quando l’ho detto in giro, tutti facevano sorrisini e dicevano “divertiti”, “fai la brava”, portati i preservativi (come se poi lì non li vendessero o come se andando a Ibiza diventassi all’improvviso una “bad girl”)… insomma, nell’immaginario comune (di chi peró non c’è mai stato), io stavo andando nel regno della perdizione e sinceramente non sapevo cosa aspettarmi!

Ma è realmente così?

Assolutamente no! Anzi! È un’isola bellissima ricca di angoli nascosti e con calette meravigliose, adatta a tutti i tipi di vacanza, dalle famiglie con bambini, alle giovani coppie innamorate, fino alle vacanze per ragazzi e singles.

Basta semplicemente scegliere cosa fare ed in che modo si vuole vivere l’isola.

E devo ammettere che solo andandoci e vivendola ho capito perché chiunque ci va, ci ritorna più e più volte: è una delle poche isole, se non l’unica, ad offrire davvero così tante alternative di vacanza adatta a tutti i tipi. Un’isola magica che ti strega e ti rapisce e che mi ha fatto venire la “saudade” da rientro come non mi capitava da anni…

Non a caso, l’isola di Ibiza nel 1999 è stata dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco, per la sua ricchezza culturale e naturale: dai resti fenici di sa Caleta, alla città fortificata di Dalt Vila, fino alla Riserva naturale di ses Salines e la necropoli punica del Puig des Molins.

Ma cosa fare a Ibiza e perché sceglierla per le proprie vacanze?

Le discoteche

Sicuramente al primo posto ci sono le discoteche, tra le più famose al mondo: lo storico Pacha, l’Ushuaia, il Privilege (la discoteca più grande d’Europa), l’Amnesia e tante altre.

Per chi vuole, si può ballare dal mattino alla sera ininterrottamente…

Ogni sera una serata diversa con i deejay più famosi e si ha solo l’imbarazzo della scelta in base al genere musicale preferito.

C’è la possibilità di acquistare pacchetti discoteca in spiaggia dai pr, che includono anche degli open bar al Manoa a Playa D’Embossa (ma io ve lo sconsiglio) oppure acquistare le prevendite ai botteghini per risparmiare circa € 10,00 sul biglietto d’ingresso. I prezzi delle serate variano da giorno a giorno ed oscillano dagli € 30,00 agli € 80,00. Generalmente, l’ingresso costa meno se si entra prima delle 2.00.

Le spiagge e le calette

Ibiza, come gran parte delle isole delle Baleari, ha delle spiagge e calette meravigliose, quasi paradisiache con acque azzurre cristalline e sabbia bianca che mi hanno davvero conquistata.

Se vi aspettate di trovare spiagge con lidi affollati e movimentate come il Salento o Mykonos, resterete delusi.

Le spiagge e calette di Ibiza sono piuttosto tranquille e frequentate da molte famiglie con bambini, coppie ma anche gruppi di amici che scelgono l’isola non solo per le sue discoteche.

La spiaggia più frequentata da giovani  quella di Playa D’Embossa, ma secondo me anche la meno bella.

Le calette più belle si trovano quasi tutte nel golfo di Sant’Antoni. Le mie preferite sono state: Cala Salada, Cala Tarida, Cala Comte, Cala D’Hort, Platja de ses Salines, Sa Caleta, Cala Bassa… ma ve le descriverò nel dettaglio in un articolo dedicato solo alle spiagge e calette di Ibiza.

Sono quasi tutte facilmente raggiungibili con auto o motorino e trovare parcheggio non è difficile, come invece avevo letto in alcuni forum. Anzi, sono quasi tutte attrezzate con grandi parcheggi, quasi sempre gratuiti. L’unica spiaggia in cui abbiamo pagato il parcheggio di € 5,00 per tutta la giornata è stata Cala Bassa. A Cala Salada, invece, se arrivate dopo mezzogiorno, dovrete archeggiare in un parcheggio a 2km di distanza ma ci sarà la navetta che passa ogni mezz’ora al costo di € 1,90 a portarvi fino in spiaggia.

Purtroppo a Ibiza le calette non sono attrezzate con lidi con lettini per i turisti occasionali, ma ci sono pochi bar con pochissimi lettini con ombrelloni, già prenotati fino a fine mese. Quindi, a meno che non vogliate trascorrere tutte le vacanze in un’unica spiaggia (ma ve lo sconsiglio), vi consiglio di acquistare un ombrellone e godervi le spiagge libere, dove è anche più facile fare amicizia 😉

Gli aperitivi al tramonto

A Ibiza ci sono tramonti da mozzare il fiato e consiglio assolutamente di non perderli, perché rischiereste di perdere gran parte della bellezza dell’isola.

Potete sia decidere di godervi in solitaria, magari facendo yoga oppure di ammirarlo con un calice di vino o un cocktail in uno dei posti strategici dell’isola nei quali ci sono anche locali per aperitivo.

Qui di seguito quelli che a me sono piaciuti di più:

Esperimental Beach: nei pressi della spiaggia de Ses Salines, alle spalle dell’aeroporto di Eivissa, c’è un posto davvero magico. Per arrivarci bisogna costeggiare il paesaggio unico delle saline (e se siete fortunati riuscite a vedere anche i fenicotteri rosa) immergendovi nella natura selvaggia di Ibiza. Arrivati lì c’è un ristorantino sul mare dal quale è possibile ammirare il tramonto degustando tapas. O, in alternativa, potete ammirare il tramonto dagli scogli, osservando anche gli aerei che atterrano e decollano da Ibiza.

 

Cafe del Mar: immancabile il tramonto dal famoso Café del mar nella zona di Sant’Antoni, dove si riuniscono quasi tutti I ragazzi dell’isola.

Mambo: adiacente al Cafè del Mar c’è il meno famoso ma non per questo meno bello Mambo. Anzi, qui vi consiglio di intrattenervi anche dopo il tramonto perché dalle 21.00 ogni sera c’è il pre serata del Pacha 😉

Blue Marlin: sulla Costa Orientale di Ibiza c’è un altro posto molto carino per fare aperitivo al tramonto, il Blue Marlin, che come stile mi ricorda tanto il Nabilah di Napoli. Qui, dalle 18.00 c’è serata danzante con deejey set al tramonto in riva al mare. Un’atmosfera davvero piacevole.

Es Vedrà: da non perdere poi il tramonto sulla montagna di fronte a Es Vedrà, uno dei luoghi più magici dell’isola. L’isolotto di Es Vedrà è avvolto da miti e leggende, la più popolare delle quali è che, di fatto, è il terzo punto più magnetico della Terra (dopo il Polo Nord e il Triangolo delle Bermuda). Non ci sono prove a sostegno di questa teoria, anche se alcuni riferiscono che gli strumenti di navigazione siano disturbati nelle vicinanze di Es Vedrà. Fatto sta che assistere poi al tramonto da lì è stato magico!

Cova Santa: alto locale per aperitivo danzante, dove però il tramonto non è sul mare, è il Cova Santa, nel bel mezzo delle montagne di Ibiza nei pressi di Sant Josep de la Talaia. Questo luogo, in stile orientaleggiante che vi farà sentire quasi in Thailandia, organizza delle serate alternative davvero molto carine. Se siete fortunati, poi, c’è la possibilità di ballare anche in una grotta con stalattiti e stalagmiti!

Cala Benirras: non sono riuscita ad andarci, ma mi hanno consigliato di andare a vedere anche il tramonto con aperitivo  Cala Banirras, nella parte nord dell’isola, dove gni domenica c’è una serata spagnola con autoctoni.

Ibiza Old Town

Immancabile una passeggiata nella città vecchia di Ibiza, con le sue numerose storie e leggende.

Ibiza,  nel passato, è stata dominata da Fenici, Cartaginesi, Vandali, Romani, Bizantini, Visigoti, musulmani e catalani, ed ancora oggi ci sono molte testimonianze di queste numerose dominazioni.

La città di Eivissa (come è chiamata in Catalano) è dominata dal castello aragonese e, salendo le stradine ripide che portano fin su in alto, si arriva a Dalt Villa (la città alta) dichiarata Patrimonio Unesco nel 1999, forte testimonianza delle diverse culture con cui l’isola è entrata in contatto durante la sua storia, come fenici, cartaginesi, romani e musulmani, fino alla conquista catalana.

Si entra dal Portal de ses Taules, il portone al quale si accede tramite il rastrillo, il ponte levatoio che serviva a difendere la città. Da qui si arriva in un luogo senza tempo, che ricorda tanto le isolette della Grecia, ma che vi farà innamorare a prima vista, con le sue stradine tortuose, i negozietti di souvenir e gallerie d’arte, i ristorantini con i tavoli per strada dove mangiare la paella fino ad arrivare su in cima alle guglie del castello dove ci sono i cannoni ed ammirare tutta la bellezza di Ibiza dall’alto.

Rovine Fenicie a Sa Caleta

Se volete scoprire un’Ibiza insolita, dirigetevi alla spiaggia di Sa Caleta, dove troverete paesaggi che non vi aspettereste mai di trovare ad Ibiza. Questa spiaggia, chiamata anche Es Bol Nou, è circondata da spettacolari scogliere rosse che creano una sensazione di isolamento dovuta alla loro forma a ferro di cavallo. Questa pittoresca insenatura, punteggiata da rustiche capanne di pescatori, ospita anche le rovine del primo insediamento fenicio di Ibiza risalente al 654 a.C. e dichiarato patrimonio dell’umanità nel 1999.

Escursione a Formentera

Immancabile poi un’escursione di una giornata a Formentera, collegata dal porto di Eivissa e da Playa D’En Bossa con traghetti e aliscafi che partono ogni mezz’ora.

A Formentera vi ritroverete il Mar dei caraibi in pieno mar Mediterraneo.

La spiaggia più frequentata da chi fa l’escursione di un giorno è la Playa De les Illetas, il cui nome vuol dire isolette, perché in questa spiaggia bellissima di Formentera che ricorda il Mar dei Caraibi ci sono tante piccole isolette e paesaggi subacquei meravigliosi che apprezzeranno tutti gli amanti dello snorkeling!

Fa parte della riserva naturale de Ses Salinas, insieme alla spiaggia omonima di Ibiza, è Patrimonio Unesco ed è il luogo perfetto per gli amanti dello snorkeling.

Dal porto di Formentera è aggiungibile o in taxi (ma preparatevi a lunghe code anche di oltre 1 ora), o autobus di linea L3, che parte ogni 30 minuti ed il cui biglietto costa circa 8 euro andata e ritorno.

E voi siete mai stati a Ibiza? Cosa vi è piaciuto di più?

made with by Medialabs