A pochi km da Vienna, c’è la graziosa cittadina di Baden bei Wien definita la città della musica (perché è qui che ha vissuto il grande Beethoven), delle terme per le sue fonti termali e dei giardini tra i più belli d’Europa, oltre che per il suo Casinò ed il Le Gacilly Photo Festival.

Ci sono stata a fine giugno e per me è stata una vera e propria scoperta. A soli 50 minuti da Vienna, regala un angolo di pace per trascorrere un week end immersa tra natura, arte e fotografia.

Baden bei Wien è infatti non solo una graziosa città d’arte, ma anche una città molto curata piena di verde e di eventi.

Ma perché visitare Baden bei Wien nel periodo estivo e cosa fare e vedere?

Le Gacilly Photo Festival

Innanzitutto perché dal 1 giugno al 30 settembre a Baden c’è Le Gacilly Photo Festival, il più grande open-air festival della fotografia in Europa che si svolge lungo tutte le vie della città, con esposizione di foto di fotografi da tutto il mondo, che rende la città ancora più graziosa.

Il festival ha origine in Francia ma ora viene svolto a Baden da 15 anni. Il tema di quest’anno è “Hymn to the Earth” (inno alla terra) e ci sono molte foto che riprendono tematiche naturalistiche e culturali: da quelle scattate nella savana, a quelle che riprendono le popolazioni sud americane, a quelle che si concentrano sugli sguardi delle donne, a quelle che tendono ad unificare le culture… una passeggiata fotografica lungo le vie della città permette in questo periodo di attraversare culture, stati e nazionalità diverse, oltre a scoprire le bellezze culturali e naturalistiche di Baden.

Parco Doblhoff  ed il roseto

Davanti all’Hotel Schloss Weikersdorf, c’è il bellissimo Parco Doblhoff aperto al pubblico che racchiude un bellissimo roseto costruito 250 anni fa dalla famiglia Doblhoff in forma geometrica sullo stile dei giardini di Vienna e poi negli anni trasformato in un giardino inglese.

Nell’800, infatti, molte famiglie di Vienna venivano qui in vacanza.

Nel roseto sono piantate oltre 30.000 rose di oltre 800 varietà e colori diversi, tutte curate con grande dedizione senza pesticidi.

Il roseto di Baden diventa quindi il luogo privilegiato per lunghe passeggiate all’aria aperta e per attività sportive e rilassanti.

Attività all’aperto

In occasione de Le Gacilly Photo Festival, il roseto è diventato non soltanto uno dei protagonisti degli scenari fotografici, ma anche luogo preferito per attività come lo yoga, il Qi Ching e massaggi shatsu.

Inoltre, in occasione del solstizio d’estate il 21 giugno, è stato organizzato un bellissimo pic nic all’aperto al quale ho avuto il piacere di partecipare mangiando sotto le stelle e vicino al lago del parco.

Visita alla BeethovenHauses

Come vi accennavo, a Baden ha vissuto il grande pianista Ludwing van Beethoven tra il 1803 ed il 1825, trascorrendoci molti mesi durante il periodo estivo perché per lui questo posto era considerato quasi magico, come ha scritto il giornale locale Badener Zeitung il 7 dicembre del 1912.

La città di Baden e la natura circostante ha ispirato molte sonate del pianista come la Nona Sinfonia con la sua famosa “Inno alla gioia” che è il motivo per cui Baden è conosciuta come “la città dell’inno europeo”.

Immancabile, quindi, una visita a quella che fu la casa di Beethoven, oggi adibita a museo, dove è possibile ascoltare alcune delle sue opere e vedere gli arredi originali.

In occasione del Beethoven Festival che si svolge a giugno e da fine agosto a età settembre, è possibile anche assistere a numerosi concerti dedicati al pianista.

Per me è stato molto emozionante visitarla, perchè forse molti di voi non lo sanno, ma ho studiato pianoforte al conservatorio fermandomi alla preparazione dell’esame dell’ottavo anno, ed ho trascorso anni ed anni della mia infanzia ed adolescenza suonando Per Elisa, La Patetica ed altri capolavori del grande Beethoven.

Cena più serata al Casinò di Baden

Baden è famosa anche per il suo Casinò che un tempo era un salone di cura ricco di tradizione, mentre oggi è un moderno centro di manifestazioni & casinò.

E’ possibile sia andare a trascorrere goliardiche serate di gioco, che prenotare la formula cena + casinò, cenando all’interno dell’elegante ala ristorante del casinò di Baden piatti ricercati e champagne, per poi concludere con la serata di gioco. A fine cena, con il dolce, ci hanno portato 4 fisher da € 5,00 l’una a testa e così mi sono dilettata anche io al gioco, scoprendo di essere piuttosto fortunata: ho giocato per ore ed alla fine ho vinto € 20,00 (quelle con cui ho iniziato ma che comunque mi hanno fatto divertire).

 

Terme romane “Romertherme Baden”

Baden è considerata anche la città delle terme. Tracorrere una giornata alle Romertherme è davvero piacevole. Le terme, dal soffitto in vetro, hanno una grande piscina da 900m2 al coperto ma anche delle piscine all’aperto oltre ad un’area dedicata a sauna e bagno turco.

Se non avete il telo, potete noleggiarlo per € 3,50 oppure noleggiare l’accappatoio per € 5,00.

Tour in bicicletta

A Baden ci sono anche molti sentieri naturalistici che è piacevole percorrere in lunghe passeggiate di hiking o trekking oppure in bicicletta. Io ho noleggiato una e-bike e sono arrivata fino al Monastero Heiligenkreuz attraversando dei sentieri davvero piacevoli e piuttosto semplici anche per chi non è allenato alla vici. Senza contare che l’e-bike sicuramente aiuta anche nelle salite 😉

Visita al Monastero Heiligenkreuz

Il Monastero Heiligenkreuz è un’abbazia cistercense nella cittadina di Heiligenkreuz, nel bosco viennese a metà strada tra Vienna e Baden. Venne consacrata l’11 settembre 1133, voluta dal Margravio d’Austria Leopoldo III su richiesta di suo figlio Ottone che era abate cistercense di Morimondo ed è la seconda più antica abbazia cistercense dell’Austria, preceduta da quella di Rein.

La chiesa ha una facciata, tipica dello stile cistercense, molto austera e con solo tre finestre a richiamare la Santissima Trinità, in stile romanico come il transetto e la navata (uno dei più alti esempi di romanico in Austria). La costruzione iniziale non aveva un campanile, ma venne aggiunto nel XVI secolo in stile barocco.

Se tutto lo stile della chiesa è piuttosto spoglio e austero, resterete senza parole davanti agli affreschi della sacrestia che fu decorata negli anni 1668-1669 da Carpoforo Tencalla da Bissone.

All’interno del Monastero oggi si trova anche la scuola di teologia.

Dopo la visita al monastero, fermatevi al bar adiacente e provate il dolce del monastero: una vera bomba di dolcezza!

Dove dormire

Io ho pernottato nell’Hotel Schloss Weikersdorf, un bellissimo palazzo settecentesco con i soffitti affrescati nel bel mezzo del roseto e… cosa c’è di meglio che iniziare la giornata tra i colori ed i profumi delle rose?

L’hotel ha inoltre una bellissima SPA aperta a tutti gli ospiti dove è possibile rilassarsi dopo le lunghe passeggiate ed escursioni quotidiane.

Dove mangiare

Oltre alla cine al Casinò, io ho cenato al Weingut Ceidl, un ristorante locale con cucina tipica dove ho provato piatti locali come Creme e salumi tipici come Dumplings, patate all’insalata, Pork, Cotoletta viennese, Funghi ed il Vino bianco tipico di quest’area il rotgipfler.

Altro posto in cui mangiare una buonissima cotoletta viennese è il ristorante Amterl nella piazza centrale di Baden.

*Articolo scritto in seguito alla partecipazione al blog tour internazionale

made with by Medialabs