Kristallwelten

Sognavo da molto tempo di andare a Wattens in Tirolo per vedere il Kristallwelten, il museo dei Mondi di Cristallo Swarovski trasformato in un vero e proprio mondo emozionale, proprio nel luogo dove nel 1895 Daniel Swarovski fondò la sua azienda e, quando sono giunta lì, mi è sembrato di essermi catapultata in una fiaba! Anzi, di essere io la protagonista di una fiaba.

Sarà stato il paesaggio completamente innevato, saranno state le colonne sonore di sottofondo, o la magia dei cristalli Swarovski ad illuminare tutto intorno, ma mi è sembrato di entrare in un mondo fatato in cui la protagonista ero proprio io.

Ho scoperto che la fontana del gigante buono esiste davvero e che al suo interno è nascosto un mondo fiabesco ed un pò magico che sembra portarti in un’altra dimensione, la dimensione del sogno!

 

Kristallwelten

Tutto è nato nel 1995, in occasione del centenario della fondazione della fabbrica di Swarovski, quando Andre Heller creó un mondo magico tutto da scoprire dandogli la forma di un gigante in ricordo della sua infanzia a Vienna quando si immaginava che nel parco del palazzo di Schönbrunn vivessero giganti pietrificati che di notte prendevano vita.

Nacque così la storia di un Gigante che si era messo in viaggio per scoprire tutti i tesori e le meraviglie del mondo, che aveva poi portato con sé in Tirolo a Wattens, dove oggi veglia sulle sue Camere delle Meraviglie.

Kristallwelten

Arrivarci è davvero semplice. Basta raggiungere la stazione di Verona da qualsiasi città italiana e da lì prendere le ferrovie austro-tedesche DB-Obb Eurocity fino a Innsbruck. Da Innsbruck potete prendere un taxi o una navetta.

Kristallwelten

Kristallwelten, il Mondo di Cristalli Swarovski

Arrivata a Wattens, si nota subito come tutta l’economia ruoti intorno a Swarovski, e come potrebbe essere il contrario? Milioni di visitatori arrivano ogni anno da tutto il mondo solo per il Kristellwattens, e vi assicuro che ne vale davvero la pena.

Appena arrivata, il gigante era lì, in tutta la sua bellezza, coperto da una coltre di neve bianca che lo rendeva ancora più magico, facendo quasi non avvertire i -7 gradi tutti intorno a me.

Ma la vera magia è al suo interno.

Kristallwelten

Varcata la bocca del gigante, si entra nel magico mondo Swarovski ed in tutta la sua bellezza!

Il percorso del museo interattivo è diviso per stanze, ognuna ispirata ai cristalli e lasciata alla realizzazione di un artista diverso (rinomati artisti, designer e architetti locali e di fama internazionale ognuno dei quali ha dato un’interpretazione diversa), e vi consiglio di prendere l’audioguida per capire il significato di ogni stanza.

Kristallwelten

Nelle Camere delle Meraviglie si può vivere la magia del cristallo in una dimensione mai sperimentata prima. Quest’ultimo resta la fonte d’ispirazione di ogni singola installazione, e sottolinea la ricchezza di sfaccettature e lo spirito innovativo della marca Swarovski.

Kristallwelten

Ed è proprio dal cristallo che prendono vita le varie opere della mostra, la cui direzione artistica è stata curata da Carla Rumler, Cultural Director Swarovski e curatrice dei Mondi di Cristallo Swarovski.La prima sala che si visita è la Sala Blu, dove si viene subito avvolti dal magico colore del Blu Klein Internazionale, creato dall’artista francese Yves Kleinche i questa sala ha un effetto caldo ed energico, e trasmette un senso di sicurezza. Circondate dal colore blu troviamo appese alle pareti le opere di celebri artisti come Salvador Dalí, Niki de Saint Phalle, John Brekke e Andy Warhol mentre al centro della sala il bellissimo Centenario,  il più grande cristallo realizzato a mano del mondo con i suoi oltre 310.000 carati e 62 kg che vanta esattamente 100 sfaccettature tagliate a mano, che simboleggiano il centenario della fondazione dell’azienda Swarovski, festeggiato nel 1995.

Kristallwelten

Mentre una parete di cristallo alta 11 metri e lunga 42 fa’ strada verso il percorso successivo, anticipando tutte le meraviglie che ci aspettano all’interno del gigante.

Nella sala successiva troviamo il “Mechanical Theatre” di Jim Whiting che unisce umano e tecnico, bizzarro ed estetico in una grottesca sfilata di moda accompagnata dalla musica di Silvio Borchardt per poi entrare in una delle sale più belle di tutto il Mondo di Cristallo Swarovski: il Duomo di Cristallo, all’interno del quale è possibile anche celebrare matrimoni.

Kristallwelten

La cupola del Duomo di Cristallo è ispirata alla cupola geodetica di Sir Richard Buckminster Fuller, che in matematica la geodesia indica il collegamento teoricamente più breve che unisce due punti su di una superficie ricurva ed è composta da  595 specchi che generano una particolare impressione di profondità e trasmettono al visitatore la sensazione di trovarsi all’interno di un cristallo, mentre le luci tutte intorno cambiano colore ed un’emozionante colonna sonora di  Brian Eno rende tutto più magico.

KristallweltenKristallweltenKristallwelten

Tra le altre sale che meritano una menzione particolare troviamo “Silent Light” nella quale si trova l’omonimo e spettacolare albero in cristallo luccicante di 150 000 scintillanti cristalli Swarovski, che evoca l’immagine di un gelido e romantico paesaggio invernale (che io ho vissuto, ma che in estate deve essere ancora più bello). Vi è poi Into Lattice Sun dell’artista sudcoreana Lee Bul  che da’ un senso di infinito; la romantica scalinata di cuori “Ready to Love” realizzata dalla star indiana del design Manish Arora (ed effettivamente richiama un pò i colori sgargianti dell’India)che invita i visitatori in un fantastico mondo ricco di emozioni attraverso una scintillante scala, raggiante di messaggi d’amore.

KristallweltenKristallwelten

Vi è poi il bellissimo Passaggio di Ghiaccio dell’artista tirolese Oliver Irschitz che inizialmente come un corridoio vuoto, che si anima però quando qualcuno entra formando a terra delle orme cristalline, come se ci si trovasse veramente su di una superficie gelata sulla quale ogni passo provoca piccole fessure nel ghiaccio.

KristallweltenKristallwelten

C’è poi una delle stanze più belle di tutto il Mondo di Cristalli Swarowski: lo Chandelier of Grief
dell’artista giapponese Yayoi Kusama, il cui elemento centrale dell’opera è un lampadario di cristallo messo in scena in modo molto suggestivo in uno spazio rivestito di specchi a tutto tondo. Negli anni passati, le sue mostre personali di opere di grande formato a Città del Messico, Rio de Janeiro, Seul, Taiwan e in Cile hanno attirato più di cinque milioni di visitatori. I suoi “Infinity Mirror Rooms” in particolare hanno suscitato un grande entusiasmo in tutto il mondo. Ed è la sua unica installazione permanente, a prescindere da quella della galleria Kusama a Tokyo.

Kristallwelten

Si completa poi il percorso per arrivare nella sala “museo” più tradizionale in cui sono esposti cimeli di famiglia, foto storiche ed abiti da scena cinematografici, oltre alla scarpetta di cristallo di Cenerentola.

KristallweltenKristallweltenKristallwelten

Usciti dal museo, la magia non è certo finita.

Festival delle luci

Il Mondo di Cristallo Swarowski continua anche tutto intorno con un grande parco ricco di installazioni artistiche, che io ho trovato tutto innevato: la torre giochi ed il parco aperto di giochi per bambini (dove mi sono divertita anche io a tornare bambina), ed il bosco di alberi di Swarovski con più di 800.000 cristalli incastonati a mano all’interno degli alberi artificiali che, se d’estate regalano uno spettacolo naturale riflettendo la luce del sole ed illuminando l’ambiente circostante con i colori dell’arcobaleno, in inverno, dal 18 gennaio al 17 febbraio, è protagonista del Festival delle Luci.

Kristallwelten

Luce e suoni seguono la logica di un’orchestra che esegue, tono dopo tono, la concertazione fino a giungere a un furioso finale. Carla Rumler, Cultural Director Swarovski, spiega: “La luce dona vita al cristallo e, come per miracolo, fa risplendere le sue sfaccettature. Il Festival delle Luci nei Mondi di Cristallo Swarovski ci propone un lato inaspettato e avvincente delle Camere delle Meraviglie e del giardino del Gigante. La Nuvola di Cristallo è il punto culminante del festival e, grazie a una spettacolare messa in scena, viene vissuta in una dimensione completamente nuova, incantando i nostri visitatori.”
Orari di apertura prolungati permetteranno agli ospiti di godersi il Festival delle Luci fino alle 21.

KristallweltenKristallweltenKristallwelten

Ristorante Daniels Kristallwelten

Non solo bellezza per la vista ma anche per il palato nel Magico Mondo Swarowski. E’ possibile infatti rilassarsi presso il ristorante Daniels Kristallwelten, con il suo padiglione inondato di luce inserito nel giardino, che permette non solo di ammirare il paesaggio circostante comodamente seduti a tavola, ma anche di regalarsi degli ottimi piaceri gastronomici circondati dai cristalli.

KristallweltenKristallwelten

Ogni tavolo è allestito con una cupola di cristallo ed è possibile fermarsi per una ricca colazione internazionale, con waffel e crepes preparate al momento oltre a piatti tipici locali, per un the pomeridiano con cupcakes e macarons oppure per il brunch del sabato e la domenica per provare le salsiccie bianche o le patate al cartoccio oppure per un’elegante e romantica cena di gala, dove l’atmosfera del posto, e l’allestimento di cristallo della tavola, rende tutto davvero magico e romantico.

KristallweltenKristallwelten

Anzi, se state pensando ad un posto romanticissimo per fare la proposta di matrimonio alla vostra dolce metà o per trascorrere il San Valentino ormai alle porte, il Daniels Kristallwelten è perfetto!

Luci soffuse, silenzio e cortesia e piatti serviti come opere d’arte. Io ho mangiato lì la prima sera un ottimo salmone marinato al gin con gelatina di tonic, cracker al timo e maionese all’aneto; crema di pomodori alla griglia con gamberetto di mare; petto di pollo con mais su risotto al vino di ghiaccio con cavolini di Bruxelles, pancetta croccante e spuma per poi concludere con un dolce di mandorle tiepido con ragù di kumquat e sorbetto di prugne.

KristallweltenKristallweltenKristallwelten

KristallweltenKristallwelten

Ah dimenticavo, nel Kristallwelten c’è anche il più grande negozio di gioielli ed accessori Swarovski di tutto il mondo e con il biglietto di ingresso al museo si ha diritto ad uno sconto del 20% su tutta la collezione.

Kristallwelten

*Articolo scritto in seguito alla partecipazione al press tour organizzato da Kristallwelten.

P.s. il mio abitino rosso da cappuccetto rosso nel regno di Frozen lo trovate su Shein e potete acquistarlo con lo sconto del 15% usando il codice PERNICE

Total
17
Shares
made with by Medialabs