Da Pisa a Lucca: un viaggio tra le meraviglie della Toscana

Talvolta si ammantano i luoghi di suggestioni tese a stimolare l’immaginazione dei turisti. Nel caso della Toscana non è necessario.

È un territorio variegato, da toccare e assaporare nella sua concretezza, costituita prevalentemente da colline, ma anche da montagne e pianure. I suoi fiumi sfociano in quel mare che tanta parte ha avuto nello sviluppo storico di alcune delle sue più importanti città.

Una terra ricca di storia, arte e cultura, anche enogastronomica. La Toscana è una terra potenzialmente capace di riempire le vacanze di ogni visitatore con tutto ciò che maggiormente desidera. Per questo è difficile scegliere tra le diverse opportunità che offre. In Toscana, ogni singolo itinerario selezionabile, e ce ne sono davvero tanti, si trasforma in qualcosa che sembra eccedere le forze, il tempo, la memoria.

Pisa

Si fa presto a dire da Pisa a Lucca

Subito ci si chiede: sì, ma come? Perché da Pisa a Lucca si fa prima ad andare che a dire. Sono due meraviglie italiane situate a 18 km di distanza l’una dall’altra, ossia a 20 minuti di viaggio, sia in treno che in automobile.

Per chi arriva in aero, si può scegliere l’opzione noleggio auto. Prenotando l’auto in anticipo, sì potrà risparmiare tempo e denaro. Sono tanti i comparatori di offerte tra cui poter scegliere. L’invito è optare per un servizio di noleggio auto affidabile che vi permetta di avere una prenotazione chiara e conveniente.

Pensate ad una vacanza tutta relax e benessere? Forse uno degli aspetti meno conosciuti della Toscana è quello costituito dalla sua antichissima rete termale. Tra Pisa e Lucca si trova San Giuliano Terme che può costituire il punto di partenza per le escursioni verso l’antica Repubblica Marinara o verso la cittadina fortificata dell’entroterra.

Pisa

Salutando il graffito di Keith Haring volgiamo le spalle alla nostra epoca e ci dirigiamo verso la dimensione altrettanto multiculturale della Pisa medievale.

Occorrerà attraversare l’Arno prima di giungere a Borgo Stretto, unica porzione cittadina rimasta indenne dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

Attraversando l’antico centro politico, la Piazza dei Cavalieri ristrutturata dal Vasari, sorridiamo alla Torre del Conte Ugolino e giungiamo a Piazza dei Miracoli.

Finanziato con il bottino ottenuto grazie alla vittoria sui Saraceni a Palermo, il progetto della Pisa ghibellina riprende il tema urbanistico classico del complesso architettonico organico, unendolo alla simbologia cristiana del ciclo della vita. Il Duomo raccoglie motivi stilistici lombardi, orientali, classici e paleocristiani creando un modello che avrà la forza di espandersi nell’entroterra toscano, in Liguria e in Sardegna.

Lucca

Lucca

Una città imperdibile! Il centro storico è un’isola pedonale alla quale è possibile accedere attraverso una delle sei porte che si aprono nelle mura cittadine.

Erette in epoca etrusca e riordinate nel corso dei secoli, le attuali risalgono al Seicento. Si tratta di 4 km di mura interamente percorribili e affiancate da un parco dal quale è possibile osservare dall’alto l’architettura medievale e rinascimentale della città.

Detto questo, non resta che lasciare al visitatore il piacere di scoprire i tesori di Lucca passeggiando per le sue stradine che ancora conservano la tipica disposizione ortogonale di epoca romana.

Doveroso solo un accenno al Duomo di San Martino con la sua splendida facciata romanica (e ai capolavori che conserva: Nicola Pisano, Jacopo della Quercia, Ghirlandaio) e alla Chiesa di San Frediano (il della Quercia, l’Aspertini).

 

*Articolo sponsorizzato

Seguimi su YouTube