Una giornata a Cremona: cosa vedere

La settimana scorsa sono stata una giornata Cremona per un nuovo progetto in corso con il profilo Instagram @in_lombardia dal titolo #inlombardiatakeover. Per tutta la settimana, vi porterò alla scoperta di questo piccolo comune lombardo nel cuore della Pianura Padana, poco distante dalle rive del fiume Po, sui loro canali instagram ufficiali.

Cremona

Cremona è una piccola chicca, a solo un’ora di treno da Milano, nota a tutti come la “città delle tre T”: “turòon, Turàs e tettas” poi trasformate in “turòon, Turàs e Tugnàs”, ossia “torrone, Torrazzo, Tognazzi”.

Infatti a Cremona è nato Ugo Tognazzi, un attore, regista e sceneggiatore italiano considerato uno dei “mostri” della commedia all’italiana.

È la seconda città più popolosa della Bassa lombarda, superata solo da Pavia, e l’undicesima più popolosa dell’intera Lombardia.

Cremona

Come vi ho accennato, dista solo un’ora di treno da Milano ed ha un borgo antico davvero incantevole! È molto piccola e può essere visitata tranquillamente in una giornata.

Io ne sono rimasta piacevolmente sorpresa, è una piccola bomboniera che vi lascerà senza parole!

Visitarla a piedi è davvero semplice, lungo le strade principali ci sono delle freccie che indicano i vari tipi di percorsi. Vi basterà seguirle ed avrete un itinerario perfetto della città.

Cremona

Il centro storico di Cremona ha il suo vertice artistico nella Piazza del Comune, una piazza medievale molto suggestiva che può vantare anche alcuni dei maggiori monumenti medievali italiani come:

Il Duomo, meglio nota come la cattedrale di santa Maria Assunta, il principale luogo di culto cattolico della città di Cremona. Fu costruita nel XII secolo nel punto più alto della città medioevale ed è un vasto tempio romanico continuamente riadattato con elementi gotici, rinascimentali e barocchi.

Cremona

Il Torrazzo di Cremona, situato accanto al duomo, è il simbolo della città lombarda. Si tratta del secondo campanile storico più alto d’Italia, dopo il Campanile di Mortegliano ed è la torre in muratura più alta d’Europa (250 braccia e due once cremonesi, che corrispondono a circa 110 metri secondo la lapide murata alla sua base). La tradizione popolare vuole la sua prima edificazione nel 754. Nel Torrazzo, al quarto piano, è stato in seguito incastonato uno degli orologi astronomici più grandi del mondo; il quadrante ha un diametro di 8,20 m (8,40 con la cornice; per fare un confronto, l’orologio del Big Ben di Londra ha un diametro di 6,85 m). Costruito da Francesco e Giovan Battista Divizioli (padre e figlio) tra gli anni 1583-1588, l’orologio rappresenta la volta celeste con le costellazioni zodiacali attraversate dal moto del Sole e della Luna. È in grado di rappresentare molti fenomeni astronomici tra cui le fasi lunari, i solstizi e gli equinozi, l’ingresso del Sole nelle costellazioni, la posizione dei nodi lunari e le eclissi.

Cremona
Vi è poi la Loggia dei Militi, uno degli edifici storici cremonesi più antichi della città, edificata nel 1292.
il palazzo del Comune con i suoi portici medievali dai soffitti affrescati;
il Battistero.

Cremona
Ma Cremona è anche la città natale del noto violinista Antonio Stradivari. La sua influenza la di avverte già uscendo dalla stazione centrale, dice c’è un monumento rappresentante un violino stilizzato. Passeggiando per il comune, poi, è possibile vedere numerosi simboli che rimandano al violinista, da piazza Stradivari, a lui dedicata, con la sua statua, ai celebri torroni cremonesi a forma di violino fino al Museo del Violino. Il visitatore percorre all’interno del Museo del Violino cinque secoli di storia della liuteria cremonese incontrando i grandi maestri ed i loro violini. Si trovano in esposizione pezzi unici appartenuti anche ad Antonio Stradivari. Alla fine potrete anche esplorare la sua casa e curiosare nelle botteghe dei liutai, maestri che lavorano per la creazione di questi strumenti ancora con il metodo classico. Questo mestiere è considerato un’arte a tal punto da essere dichiarato Patrimonio Immateriale dell’umanità Unesco.

Cremona Cremona

Dal 2017 Cremona e la sua provincia fanno parte della Regione Europea della Gastronomia-Lombardia Orientale, insieme alla province di Mantova, Brescia e Bergamo.

Dovete quindi assolutamente fermarvi in una delle numerose pasticcerie che preparano il torrone, dolce natalizio per eccellenza, al quale è dedicata un’intera festa che in novembre richiama migliaia di visitatori e che nelle pasticcerie cremonesi troverete a forma di violino e violoncello. 

Cremona

Ma non limitatevi a questo, assaggiate anche la mostarda da accompagnare con il bollito, o dei formaggi locali, come il Grana Padano o il Provolone Dop.

Per concludere, trascorrete almeno un pomeriggio sulle rive del fiume Po, dove potete percorrere una fitta rete di argini e piste ciclabili. Per chi preferisce qualche ora in perfetto relax potrebbe optare per una minicrociera fluviale.

E voi, siete mai stati a Cremona?

Cremona Cremona Cremona Cremona Cremona

Seguimi su YouTube