In questi ultimi mesi, con tutti questi attentati in giro per il mondo, sembra quasi essere tornata la paura della seconda guerra mondiale. C’è chi parla già di terza guerra mondiale, chi ha paura di viaggiare… di certo il mondo non è più tranquillo come una volta e proprio per questo è importante non dimenticare l’olocausto e la seconda guerra mondiale. La storia ci insegna a non commettere gli stessi errori, eppure sembra che l’uomo non voglia imparare dagli errori del passato ma che, anzi, continui a commettere sempre gli stessi….

Testimone Oculare

Per questo, quando ho saputo che al Teatro Bolivar di Napoli andava in scena la prima nazionale di “Testimone Oculare” la vera storia di Franz Jägerstätter, cittadino austriaco che si rifiutò, dopo l’Anschluss (annessione dell’Austria alla Germania nazista nel 1938), di svolgere il servizio militare quando fu convocato nel 1943 e che venne per questo arrestato e processato, sebbene sapesse di essere condannato a morte, sono andata ad assisterlo.

Testimone Oculare

Lo spettacolo teatrale, diretto da  David Jentgens e tratto dal testo di Joshua Sobol, considerato il più importante tra gli scrittori di teatro israeliani viventi, è stato realizzato con il patrocinio del Comune di Napoli, del Forum Austriaco di cultura di Roma, del Goethe Institute di Napoli e della comunità ebraica di Napoli.

Nello spettacolo TESTIMONE OCULARE – in scena il 21 e dal 23 al 27 marzo 2016 (lunedì, mercoledì, venerdì e domenica ore 20.45; giovedì e sabato ore 19) al teatro Bolivar di Materdei a Napoli – vengono rivissuti gli ultimi giorni della vita di Franz J. in una prigione militare di Berlino, quando la morte gli è costantemente davanti agli occhi. Gli amici, i familiari, i giudici, il prete e la dottoressa tentano di convincerlo ad accettare almeno il ruolo di paramedico nell’esercito, ma Franz J., dopo aver visto con i suoi occhi treni carichi di bambini portatori di handicap diretti ai campi di concentramento, non può accettare di indossare l’uniforme di coloro che hanno preso parte a questo massacro.

Testimone Oculare

La storia di Franz Jägerstätter, inoltre, si intercetta con Napoli. All’indomani del matrimonio tra Franz e Franziska, celebrato nel 1936 il giovedì santo alle sei di mattina, i due novelli sposi partirono per il viaggio di nozze. Passarono per Roma e il Vaticano e arrivarono a Napoli e fecero tappa a Sorrento: volevano godere del sole e del mare fino ad allora soltanto immaginato.

Testimone Oculare

«Ciò che mi affascina del testo di Joshua Sobol è l’alternanza tra leggerezza e profondità con cui racconta la storia di un eroe moderno che ha saputo ascoltare e rispettare la sola legge del cuore. – dichiara il regista David Jentgens – Tutti coloro che gli sono intorno, dagli amici ai familiari, dal prete alla dottoressa, lo spingono a deviare da questa scelta, ma Franz J. sa che agire diversamente significherebbe tradire se stesso. Ecco che si inserisce l’eterna lotta tra bene e male, e la conseguente scelta di ciascuno che anche oggi, in epoca di conflitti nazionali, siamo chiamati a fare per formare un’opinione, discernere il vero dal falso, scegliere a chi e a cosa credere.

Con il mio metà sangue tedesco mi sento vicino a Franz J., mi appare come una stella in un cielo buio. I miei nonni raccontavano sempre di non aver visto nulla di quello che si diceva, invece Franz J. dichiara di aver visto e si ribella per questo al governo nazista.

Testimone Oculare

Tuttavia l’umorismo ebraico di Sobol controbilancia la pesantezza del tema e la trasforma in una leggerezza accessibile a qualunque tipologia di pubblico. Questo mi ha spinto a mettere in scena questo testo, non venendo meno al mio obiettivo: non annoiare il pubblico pur affrontando tematiche profonde».

Ed infatti lo spettacolo non è stato per nulla noioso, nonostante tratti di una tematica non certo leggera, ma che fa riflettere, soprattutto in un periodo, come questo, dove la paura della seconda guerra mondiale sembra essere tornata quasi attuale.

Durante lo spettacolo non sono mancati momenti divertenti che hanno strappato qualche risata, alternati ai momenti più seri ed introspettivi. Uno spettacolo che fa riflettere, ma che non annoia che vi consiglio di andare a vedere.

made with by Medialabs