Attacco omofobo alla fiera é Sposa

Attacco omofobo alla fiera È Sposa, la kermesse che promuove l’amore universale non solo tra un uomo ed una donna, ma anche tra uomini ed uomini e donne e donne.
Il clima di festa é stato oscurato da scritte e svastiche contro i gay, lungo il percorso che porta alla kermesse. Purtroppo, ciò dimostra ancora una volta quanto in Italia siamo un popolo di bigotti e dalla mentalitá ristretta. Lo stesso popolo che fino ad una settimana fa gridava alla liberté, egalité e fraternité a sostegno della Francia e di Charlie Hebdo, non ha visto di buon occhio la sfilata di Vladimir Luxuria in abito bianco sabato sera. Un fatto davvero triste ed increscioso che offende non solo gli omosessuali, ma anche tutti gli organizzatori della fiera e gli operatori del settore.

Questa non è solo omofobia il simbolo delle SS E LA SVASTICA sono una firma politica di un atto intimidatorio nei confronti delle imprese che hanno lavorato e lavora nell’indotto dei matrimoni che in quasi tutta Europa cresce con le cerimonie gay che incrementano il pil dell’indotto del wedding. Tutto accade alla vigilia della giornata della memoria, offende non solo omosessuali e trans, lavoratori di éSposa.
“Abbiamo deciso quest’anno di comunicare l’amore di coppia anche quello omosessuale perché riteniamo che amare sia un diritto di tutti. L’attacco omofobo nei confronti della manifestazione e’ un’offesa ai diritti umani e civili.” Dichiara il direttore artistico Diego Di Flora .
Voi cosa ne pensate?

Seguimi su YouTube