Napoli Moda Design II edizione: inaugurazione a Villa Pignatelli

Mercoledi 3 maggio nella bellissima location di Villa Pignatelli a Napoli, si  tenuto l’esclusivo party di inaugurazione della seconda edizione di Napoli Moda Design, la manifestazione ideata e diretta dall’architetto Maurizio Martiniello, dal tema “LuxuryIdeas” che, di rimando alla Design Week Milanese, unisce la moda all’arte ed il design.

Napoli Moda Design

Nell’happening a Villa Pignatelli è stato presentato alla città un percorso nelle eccellenze della sartoria napoletana, con installazioni e tante sorprese ma anche importanti appuntamenti nel settore del design.

Lungo il percorso elementi lapidei di marmo e fiaccole hanno condotto i visitatori verso l’interno della villa. La prima installazione  nel colonnato: 5 grandi manichini alti oltre 2 metri, rivolti verso l’interno, che indossano abiti firmati da Roberta Bacarelli.

Napoli Moda Design

La prima installazione all’interno del protiro, al centro, è un’opera di Susy Manzo, artista milanese: un abito di carta sospeso a 6 metri di altezza decorato da fiori. L’artista ha già lavorato con Martiniello al Fuori Salone di Milano 2015, interagendo con lui per una installazione. 

Napoli Moda Design

Ancora nel protiro, all’ingresso, è installata una parete forata curva rossa realizzata dall’azienda napoletana Ammirati, che fa da quinta all’abito.  

Napoli Moda Design

Nella seconda sala (sala 14) spazio MontBlanc. Le Ceramiche Vesuviane presentano l’azienda internazionale Gessi, che propone una rubinetteria molto particolare, “Equilibrio”, con la performance di una modella.

Nella Sala 3 (sala da ballo) installazione di Marazzi, che realizza ceramiche e rivestimenti: si tratta di cubi di altezze diverse, rivestiti di vari materiali, sui quali sono stati posizionati oggetti di moda, come borse Kilesa e scarpe DeiMille. Nella stessa sala un set fotografico Radio Montecarlo, in cui era presente Mirò, la poltrona disegnata da Maurizio Martiniello, riproposta quest’anno con i tessuti oro; esposto anche un abito color oro.

Napoli Moda Design

Sala 4: qui  quattro pedane rivestite con le ceramiche di Francesco de Maio che ripropongono un progetto presentato alla Triennale di Milano con i disegni geometrici di Giò Ponti realizzati per l’Hotel Royal Continental di Napoli e per l’Hotel Parco dei Principi a Sorrento. Su pedane alte 30 cm 4 outfit di Nino Lettieri, che ha realizzato una collezione donna tutta ‘geometrica’. Nella stessa sala le teche di Damiani, che ha presentato le nuove collezioni, tra cui “Margherita”. 

Sala 10 è lo spazio dedicato all’atelier Bruno Caruso con la presenza di modelle posizionate all’interno dello spazio barocco della sala rossa. Presenti anche installazioni di illuminotecnica di designcontemporaneo.

Napoli Moda Design

Nella sala 9 installazione di Monnalisa con la presentazione della linea haute couture per bambini. Una kids performance ideata e diretta dal direttore creativo Viviana Falace di ViMagazine Kids dedicata allo storico brand della Maison Monnalisa che ha vestito per l’occasione con abiti couture le piccole principesse della serata. Fiori, rose e colori hanno composto un’opera di design e di moda, una rappresentazione onirica di un sogno che diventa realtà davvero fiabesca.

Napoli Moda Design

Sala 6 ospita l’installazione Molteni, presentata da Consonni Arredamento, con tutta la collezione Giò Ponti. 

Sala 11 è la biblioteca, la sala dove gli uomini andavano a fumare, ed ospitava 6 outfit della sartoria Dal Cuore, il volto del manichino era quello di Totò. Per l’occasione è stata quindi battezzata sala Totò. Sul tavolo installazione di Stile Valentine.

Napoli Moda Design

Sala 12 – la sala da pranzo – spazio a “cutting edge”, la capsule collection degli allievi del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale della Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli progettata e realizzata grazie alla collaborazione tra i professori Francesca Meglio, Marco Petrone, Imma Saggese e il corpo docente del corso di studio in Design per la Moda coordinato da Alessandra Cirafici.

Nel percorso è stata inclusa un’installazione di un impianto audio/video di Bang&Olufsen di Via Manzoni 82.

Napoli Moda Design

Dress code della serata era il rosso ed io ho giocato con gli accessori rossi di Pizzi e Perle sul bellissimo abito lungo da sera Rebeka Ross con spolverino abbinato sempre Rebeka Ross.

Napoli Moda DesignNapoli Moda DesignNapoli Moda Design Napoli Moda Design Napoli Moda Design Napoli Moda DesignNapoli Moda Design Napoli Moda Design Napoli Moda Design Napoli Moda Design  Napoli Moda Design Napoli Moda Design Napoli Moda Design Napoli Moda Design

I was wearing:

Dress Rebeka Ross

Jacket Rebeka Ross

Bijoux Pizzi e Perle

Bag Choies

Seguimi su YouTube